itenfrdeptrues
Cucina

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

In questo periodo di quarantena si è scatenata la voglia "del fare tutto a casa", qui di seguito vi propongo una ricetta facilissima e deliziosa da presentare a tavola ad ogni occasione.

Ingredienti

2 fogli di pasta sfoglia pronti

250 ml di latte

2 tuorli d'uovo

75 gr. di zucchero

20 gr. di amido di mais

buccia di limone grattuggiata q.b.

300 gr. di fragole

 

Con un coppapasta ricavatevi dei dischi di pasta sfoglia, cuoceteli nel forno per 10 minuti a 170° e metteteli da parte.In una ciotola montate lo zucchero con i tuorli e l'amido di mais, il latte lo riscaldate, incorporate il composto sul fuoco basso fino ad ottenere una crema liscia e corposa. Pulite e mondate le fragole a pezzetti, nel frattempo con la crema fredda iniziate alla composizione a strati come mostrato nella foto.Lasciate riposare in frigo prima di servire.

 

Foto di Salvo Scuderi

 

 

Commenta (1 "Commento")

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

lillovinci3

 

Abbiamo il piacere di condividere con voi un post del Pasticcere Lillo Vinci dell'omonima pasticceria pluripremiato per i suoi eleborati."Oggi vi parlo del mio panettone, innanzitutto è realizzato con la cura meticolosa del lievito madre che viene rinfrescato tre volte al giorno con farina Dallagiovanna (molino leader nel settore dei grandi lievitati, anche con il supporto tecnico del maestro Iginio Massari) per avere un eccezionale bilanciamento tra acidi acetici e acidi lattici ( cioè quella microflora che rende il nostro delicato panettone soffice e gustoso). Il migliore burro francese (per affioramento) per dargli la giusta fragranza e morbidezza) , i canditi tassativamente siciliani e calabresi ( canditi a frutto intero) senza addizionatura di anidride solforosa ( della ditta Agrimontana), l’uvetta australiana 6 corone in bagno di brandy , il miele di acacia per conferirgli sapore e morbidezza nel tempo, il tuorlo d’uovo di categoria A ed infine gli aromi ( scorza di limone grattugiata, pasta d’arancia candita e vaniglia bourbon) per esaltare il sapore in maniera completamente naturale. CHE COSA NON USIAMO: farine premiscelate ( i cosiddetti MIX che contengono i dannosi mono e digliceridi degli acidi grassi , responsabili della pesantezza di stomaco), aromi industriali e lievito di birra. Chiediti sempre cosa stai mangiando ."

lillovinci1

 

BUONE FESTE DALLA PASTICCERIA LILLO VINCI

 

Commenta (0 Commenti)

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Ingredienti

12 Limoni non trattati

1,5 kg di zucchero semolato

600 ml di acqua

 

Preparazione

Prendete i limoni  è immergeteli in acqua tiepida per 10 minuti circa, con una retina li pulite eliminando le parti scure.Successivamente su un piano tagliate i limoni a fette e lasciateli riposare in un contenitore pieno d'acqua per un giorno. Trascorso il primo giorno, riscaldate il contenitore sul fuoco, vi consiglio di usare una pentola,mescolate e lasciare riposare per un altro giorno. Al terzo giorno preparate lo sciroppo con la quantità d'acqua e zucchero suindicata, scolate le fette di limone e immergeteli nello sciroppo, appena finita questa operazione fate bollire il tutto per 45 minuti. Versate nei vasetti precedentemente sterilizzati e capovolgeteli fino al raffreddamento.

Commenta (0 Commenti)

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Tra fine maggio ed inizio giugno, l’origano raggiunge la sua maturazione aumentando il suo profumo e la sua qualità, periodo in cui inizia la sua raccolta. La raccolta dell’origano viene effettuata rigorosamente a mano come se fosse un rito. Infatti è facile incontrare gruppi di persone che si organizzano all’alba, quando l’aria è ancora fresca, per raggiungere i punti collinari esposti al sole.Durante  la raccolta bisogna fare attenzione a non “pelare”  completamente la pianta, in modo che possa durare più a lungo e svilupparsi in modo ottimale.Il suo utilizzo in cucina è ben noto specialmente nei nostri piatti tradizionali, basta citare le “olive cunzate” o la pizza trapanese “rianata1” dalla grossa quantità d'origano presente nella ricetta.

- n.1 Rianata tradotta origanata.

Commenta (0 Commenti)
© 2017-2020 Associazione Culturale Insidemessina. All Rights Reserved. Powered By S@lvo -Termini e condizioni d'uso -

Follow Us

Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account