itenfrdeptrues

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Giornata culturale in uno dei piccoli centri della nostra provincia, e in generale dell'intero territorio nazionale. Il Castello di Rufo Ruffo, di Scaletta Zanclea, rappresenta un ennesimo spaccato di questa nostra terra, un po' troppo dimenticata e poco valorizzata, se non in occasione di feste e sagre paesane, e anche in quelle circostanze il pensiero corre maggiormente a soddisfare i piaceri della gola, piuttosto che arricchire il desiderio di accrescimento culturale che dovrebbe essere abbastanza naturale; ma si sa se non c'è divertimento non c'è arricchimento....e questo da ambo le parti. Ma torniamo al Castello l'impressione che si ha entrando all'interno degli ambienti è quasi sacrale, il varcare la soglia di certi locali mette addosso una duplice sensazione di sgomento e di meraviglia...la meraviglia consiste nel vedere come la volontà dell'uomo ha saputo vincere le insidie della natura, nel costruire simili opere sulle cime di poggi abbastanza impervi... vengono alla memoria taluni castelli bavaresi, alcuni costruiti in posti talmente impossibili da essere denominati non a caso nidi d'aquila; ed è meraviglioso constatare come a distanza di secoli simili architetture sfidano ancora il tempo, mentre opere di recente costruzione si disfano come castelli di sabbia costruiti sulla battigia.... per contro lo sgomento che assale è il soffermarsi per un istante a pensare, guardando il panorama d'attorno, quante morti ha visto passare ai suoi piedi, mi riferisco naturalmente alle lotte che si sono tenute da eserciti e nazioni che non ponevano tempo, e uomini in mezzo per conquistare un piccolo pezzo di territorio determinante per la tenuta di un regno. 
Nella fattura dell'opera coesistono stili diversi perché diverse furono le dominazioni e ogni nuova presa, apportava al contesto nuovi ampliamenti e nuove stilizzazioni, quali "firma" della cultura dell'epoca; ma in una struttura del genere coesistono amabilmente sia lo stile romanico come dedotto dall'arco della "porta d'accesso, sia lo stile normanno caratterizzato dalle finestre a bifora che si stagliano sul fronte principale; l'aggiunta della colonnina tortile evidenzia tuttavia che sebbene la natura dell'opera fosse di stampo difensivo, va ricordato che ogni maniero o anche una semplice casa forte serviva a difendere il feudo cui dipendevano i suoi abitanti, uno stile aggraziato faceva del suo proprietario un uomo non privo di cultura e modi gentili.
Al suo interno, in ambienti ristrutturati e dal carattere museale trova collocazione una piccola, ma di spessore, raccolta di armi e documenti appartenenti ai signori che tennero la baronia dei siculi feudi, nella sala d'ingresso, che definirei propriamente sala degli scudi (naturalmente non riconducibili alle epoche storiche) si può ammirare una ricca documentazione iconografica, consistente in riproduzioni cartografiche d'epoca e appunto scudi con le insegne dei feudi.Ebbene concludendo queste brevi note del tutto personali, ritengo che in questo dovrebbe consistere la tutela e la divulgazione della memoria storica del nostro passato, preservarne le vestigia per le future generazioni che nulla di concreto sanno, ma che hanno il diritto (nonché il dovere) di apprendere e divulgare al fine di costruire un mondo appena migliore.

DSC 0853bis

Entrata del Castello

DSC 0888bis

 Panorama del Borgo

DSC 0873bis

DSC 0874bis

 

Foto di Pasquale Camera 

Commenta (1 "Commento")

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Il Castello di Rometta, detto anche Palatium, situato sul colle più alto, fu l’ultima roccaforte bizantina prima della conquista araba del 965 d.c. Trascorso un secolo arrivarono i Normanni, i quali conquistarono il territorio. Il baluardo diventa uno dei posti più strategici della zona, nel tempo sia gli spagnoli che i francesi posizionavano le loro truppe a difesa delle terre. Anche questo Castello fù adeguato alle necessità del tempo, infatti si nota un ampliamento con le cinte murarie a difesa dello stesso. La torre adiacente alla fortificazione serviva da avvistamento e da prigione. Oggi le rovine raccontano una storia di battaglie fra le varie dominazioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

norma inside

Commenta (0 Commenti)

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Il Castello di Milazzo è il più grande dei castelli siciliani. Venne eretto sulle rovine dei primi insediamenti greci e romani, bizantini e musulmani. Con Federico II di Svevia la rocca si afferma come baluardo militare a difesa del territorio con la costruzione della prima cinta muraria. Dopo Federico sono gli Aragonesi a costruire la seconda cinta adeguando il Castello alle nuove necessità. Con gli spagnoli la rocca divenne sempre più importante e strategica, cosi venne costruita la terza cinta muraria. Insomma chi viene a visitarlo si accorge della sua struttura a settori o meglio dire a cipolla, dove è possibile vedere le varie dominazioni con un concentrato di arte e cultura oltre ai suggestivi promontori con le Isole Eolie.

 

Dal 16 agosto al 15 settembre: ogni venerdì e domenica alle 17,30

Dal 16 settembre al 30 settembre: ogni domenica alle 17,30

Dal 1° ottobre al 31 maggio: ogni domenica alle 10,30

Prezzo

€ 5,00 Adulti

€ 2,00 Ragazzi (12-18)

Gratis (Free):  Bambini (Children under 12)

information-icon-27.png

3396252313 - 3473039885

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

norma inside

 

Commenta (0 Commenti)
© 2017-2021 Associazione Culturale Insidemessina. All Rights Reserved. Powered By S@lvo -Termini e condizioni d'uso -

Follow Us

Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account